Con il freddo assumiamo più calorie? Suggerimenti per l’alimentazione invernale

Con il freddo assumiamo più calorie? Suggerimenti per l’alimentazione invernale

Pubblicato il Categorie Il cibo che nutreTag , , , , , , , ,

In inverno le rigide temperature obbligano il nostro corpo ad un maggiore dispendio energetico. Avere più appetito è del tutto normale1, ma il rischio di farsi attrarre da cibi ipercalorici è alto. Le ‘concessioni’ della stagione non devono farci perdere di vista le regole di una sana alimentazione.

Quali consigli seguire per un’alimentazione invernale senza eccessi?

  • Sì ai carboidrati. Per soddisfare l’apporto energetico giornaliero rimane valida la buona regola per cui i carboidrati dovrebbero fornirci il 45-60% dell’energia2. Prediligere quelli integrali e accompagnarli, quando possibile, con legumi e un filo di olio extravergine d’oliva, in modo da creare un pasto completo e bilanciato.
  • Un piatto che può dare molta soddisfazione sono le zuppe. Calde e brodose, esaudiscono la nostra ricerca di pietanze calde e allo stesso tempo danno sazietà pur senza apportare troppe calorie. L’ideale è prepararle con ottima verdura di stagione, magari tipica della propria zona.
  • L’inverno è spesso considerato una stagione in cui la produzione di frutta e verdura è scarsa, in realtà alcuni ortaggi invernali sono particolarmente benefici. Le crucifere, verdure della famiglia del cavolo, sono molto importanti per la salute, oltre che conservabili a lungo in frigorifero: cavolfiore, cavolo nero, cavolo cappuccio, broccoli, cavoletti di Bruxelles, verze… sono alimenti ricchi di micronutrienti e di sostanze che hanno un effetto potenzialmente benefico per la salute3. Si tratta di verdure alla base di molti piatti tipici invernali, specialmente al nord (basti pensare ai pizzoccheri valtellinesi o alla cazzuola lombarda).
  • Ultimo ma non meno importante, vi è il suggerimento di bere molto. Diversamente dall’estate, il freddo non fa venire particolarmente voglia di bere, ma è importante porsi come obiettivo quotidiano quello di assumere almeno un litro e mezzo di acqua4. Per questo, un aiuto è offerto da the e tisane. Seppure alcuni le gradiscano anche d’estate, nulla eguaglia il piacere di passare una serata invernale in casa con una tazza fumante in mano. Perfetto adottare questo rituale la sera, per un momento di relax prima di andare a dormire. Sì anche al the per una pausa pomeridiana: i veri estimatori lo gustano senza zucchero, così da poterne apprezzare appieno l’aroma.

Riferimenti bibliografici
1 Wehr, T. A., Giesen, H. A., Schulz, P. M., Anderson, J. L., Joseph-Vanderpool, J. R., Kelly, K., … & Rosenthal, N. E. (1991). Contrasts between symptoms of summer depression and winter depression. Journal of affective disorders, 23(4), 173-183.
2 SINU – Società Italiana di Nutrizione Umana (2014). LARN – Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana, IV Revisione. 2014.
3 M de Figueiredo, S., AV Filho, S., A Nogueira-Machado, J., & B Caligiorne, R. (2013). The anti-oxidant properties of isothiocyanates: a review. Recent patents on endocrine, metabolic & immune drug discovery, 7(3), 213-225.
4 Cialfa, E., D’Amicis, A., Leclercq, C., Quaglia, G. B., Sette, S., Ticca, M., & Tomassi, G. (2003). Linee guida per una sana alimentazione italiana. Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, Roma Italia, 86.